Italia: tramonta il mito della laurea, proprio quando ci servono laureati!

 In Andamento Mercato

Rapporto annuale dell’ISTAT, pubblicato pochi giorni fa, traccia un’Italia che ha bisogno di risollevarsi, tra la “sovraistruzione” (!!!) e la crisi della famiglia moderna.

A cosa serve una laurea?

Dal rapporto ISTAT 2016 emerge che oltre un ragazzo su tre tra i 15 e i 34 anni è sovraistruito, ovvero troppo qualificato per il lavoro che svolge. La quota è 3 volte superiore a quella degli adulti (13%).

Inoltre ha un lavoro a termine un giovane su quattro e a tre anni dalla laurea solo il 53,2% dei laureati ha trovato un’occupazione ottimale, con un contratto standard, una durata medio-lunga e altamente qualificata.

Il 60,8% dei giovani non lavora

In aggiunta, il dato più allarmante è che solo 4 giovani su 10 lavoran, spesso entrando nel mercato del lavoro con professioni quali: commesso, cameriere, barista, addetto personale, cuoco, parrucchiere ed estetista. Anche quando sono in possesso di una laurea.

Il mondo del lavoro, quindi, squalifica la professionalità dei giovani laureati?

Oppure i giovani hanno studiato materie obsolete?

Non c’è ricambio generazionale

Una chiave di lettura è forse questa: i giovani non prendono il posto degli anziani quando questi ultimi vanno in pensione e l’amaro risultato è che in Italia le persone che vorrebbero lavorare ma che non hanno un impiego sono 6,5 milioni.

Il rapporto spiega inoltre che il tasso di mancata partecipazione (disoccupati e inattivi disponibili a lavorare) scende al 22,5% ma è ancora molto sopra il livello medio Ue (12,7%).

Genitori senza lavoro

In Italia 2,2 milioni di famiglie sono jobless, ovvero vivono senza redditi da lavoro.

Al centro-nord il 14,2% delle famiglie sono in questa condizione e nel Mezzogiorno si raggiunge addirittura il 24,5%, ovvero quasi un nucleo famigliare su quattro.

Il dato più preoccupante (ma coerente con quanto riportato ad inizio articolo) è che l’incremento ha riguardato soprattutto le famiglie giovani rispetto alle adulte: tra le prime l’incidenza è raddoppiata dal 6,7% al 13%, tra le seconde è passata dal 12,7% al 15,1%.

Questo è il naturale preambolo al crollo ulteriore delle nascite: per il quinto anno consecutivo diminuisce la fecondità, solo 1,35 i figli per donna.

Recent Posts

Leave a Comment